Mungo National Park Walls Of China New South Wales

Mungo National Park

Un’avventura Outback in uno dei siti archeologici più importanti d’Australia

  • Outback 🏜️
  • Rock Formations 🪨
  • Wildlife (Emù) 🦤
  • Wildlife 🦘
Consigliati: 1 giorno

A poco meno di 1000 kms dalla capitale Sydney (sì, vi ci vorranno quasi 11 h di macchina per arrivare qui, su una strada che può richiedere l’ausilio di un 4WD in alcuni punti), si trova un paesaggio lunare immerso nell’Outback del New South Wales che persino pochi australiani conoscono, ma che ha una rilevanza archeologica di livello mondiale: il Mungo National Park.

A metà degli anni ’70 vennero qui rinvenuti i resti umani del più antico Home Sapiens trovato in Australia, nonché il più antico al mondo rinvenuto al di fuori del continente africano, il che rimise in dubbio la teoria per cui tutti gli uomini terrestri abbiano una comune discendenza africana. Questi resti, rinominati Mungo Man e Mungo Woman, risalgono a circa 42000 anni fa, rendendoli una sorta di antenati ancestrali degli aborigeni viventi sul continente australiano. Da qui si evince la particolare importanza di questo Parco Nazionale in contesto antropologico ed archeologico.

Oltre che per la rilevanza storica, una visita al Mungo National Park vi porterà in un territorio inesplorato fatto di costruzioni rocciose che difficilmente vedrete da qualche altra parte, il Walls of China, attrazione principale del Parco.

Cosa fare e vedere al Mungo National Park

Mungo Lake

Il Mungo Lake è uno dei 17 laghi disidratati facenti parte del World Heritage-listed Willandra Lakes Region. Pur apparendo come un grossa massa di sterpaglie aride, è qui dove sono stati ritrovati i resti fossili del Mungo Man & Lady, per cui vale una sosta anche solo per il rilievo storico-archeologico.

Walls of China

L’attrazione principale del Parco è un grosso arco che racchiude il confine orientale del lago, costituito da collinette sabbiose (chiamate lunette), da cui prendono forma grossi pinnacoli rocciosi che ricordano delle piccole montagne a forma di bonsai, conferendo al paesaggio un aspetto lunare ed ipnotico, arido e labirintico, che ha pochi uguali persino all’interno dello sconfinato Outback australiano.

E’ possibile ammirare il Walls of China dalla piattaforma esterna o proseguire al suo interno tramite tour organizzati e accompagnati da specifici ranger; consiglio vivamente di prendere parte a queste visite guidate, dato che il tramonto visto dall’apice delle colline di sabbia rende l’ambiente circostante ancora più suggestivo e surreale.

Walls of China Mungo National Park Outback New South Wales
Tramonto sul Walls of China, Mungo National Park
Walls of China Mungo National Park Outback New South Wales
Per camminare all’interno del Walls of China dovrete prendere parte ad uno dei tour organizzati ma, parola di sottoscritto, ne varrà sicuramente la pena

Red Top Lookout

Altro lookout da raggiungere (magari sempre al tramonto), per avere una visuale differente sul magnifico paesaggio del Mungo National Park.

Dove dormire al Mungo National Park

E’ possibile pernottare al Mungo Lodge, predisposto di bungalow o di spazi adibiti al campeggio. Oltre a passare una notte fantastica sotto un cielo stellato che solo l’Outback australiano può regalare, potrete fare la conoscenza dei simpatici emù che popolano il centro informazioni, e magari riuscire a strappare un selfie senza rimetterci un orecchio.

Emu at the Walls of China New South Wales
Io e il mio amico Joe pronto a sfruttare un mio attimo di debolezza per banchettare con il mio cranio.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *