Cartina Stradale e Bussola

East Coast: da Byron Bay a Jervis Bay [Itinerario]

Il più classico degli itinerari che copre quasi tutta la costa del New South Wales

Consigliati: 15-20 giorni
Distanza: > 1600 kms
Difficoltà: facile (2WD)
  • Byron Bay > Nimbin
  • Nimbin > Yamba
  • Yamba > Red Rock
  • Red Rock > Coffs Harbour
  • Coffs Harbour > Ebor Falls
  • Ebor Falls > Nambucca Heads
  • Nambucca Heads > South West Rocks
  • South West Rocks > Port Macquarie
  • Port Macquarie > Port Stephens/Nelson Bay
  • Port Stephens/Nelson Bay > Newcastle
  • Newcastle > Sydney
  • Sydney > Blue Mountains NP
  • Sydney > Royal NP
  • Royal NP > Kiama Downs/Bombo/Kiama
  • Kiama > Jervis Bay (Hyamns Beach)
Chiudere
Indicazioni
Azione Opzioni di stile
Print Reset
Generazione indicazioni in corso...

Giorno 1-2: Byron Bay

Il nostro viaggio lungo la East Coast del New South Wales parte proprio da una delle sue cittadine simbolo, Byron Bay, dove consiglio di trascorrere almeno due notti. Qui potrete rilassarvi o fare surf su una delle sue celebri spiagge (The Pass, Wategos Beach, Tallow Beach), concedervi la bellissima camminata che conduce al Cape Byron Lighthouse e all’easternmost point australiano, o semplicemente passeggiare per il centro cittadino alla ricerca di qualche abito vintage o di qualche ristorantino alla moda con vista oceano.

  • DA VISITARE BYRON BAY: The Pass, Wategos Beach, Tallow Beach, Belongil Beach, Whites Beach, Cape Byron National Park, Lighthouse, Easternmost Point of Australia, Stone & Wood Brewery
Cape Byron Byron Bay Lighthouse New South Wales East Coast
Postcard from Byron Bay Lighthouse
Tallow Beach Byron Bay New South Wales East Coast
Tallow Beach, Byron Bay

Giorno 3: Nimbin

BYRON BAY > CRYSTAL CASTLE

  • 20 kms
  • 22 min

CRYSTAL CASTLE > NIMBIN

  • 70 kms
  • 1 h 10 min

Lasciando Byron Bay e dirigendosi verso la cittadina di Nimbin è possibile sostare al santuario-giardino di Crystal Castle Shambhala Gardens, una sorta di parco attrazioni spirituale dove è possibile ammirare rari cristalli di diverse dimensioni e addirittura sedersi in una piccola grotta ricavata direttamente da un’enorme ametista. Visto il prezzo piuttosto oneroso, se non siete maniaci dei cristalli e della spiritualità è un luogo che è possibile tranquillamente saltare lungo il vostro percorso.

La città di Nimbin è invece un piccolo paesino molto caratteristico dove si respira la vera e propria aria hippie australiana, che una volta permeava anche Byron Bay ma che col tempo si è andata progressivamente perdendo. Potrete trovare immagini di Bob Marley, negozi colorati che vendono tutta la varia strumentazione per godersi uno spinello in tranquillità e qualcheduno potrebbe anche offrirsi gentilmente di vendervi dell’erba direttamente per strada. Diciamo che si tratta di un piccolo mondo a sé rispetto al resto dell’Australia.

  • DA VISITARE: Nimbin
  • PIT STOP: Crystal Castle Shambhala Gardens
Nimbin New South Wales East Coast
Una delle tipiche stradine di Nimbin
Crystal Castel Shambhal Gardens East Coast New South Wales
Cristalli giganti a al Crystal Castle Shambhala Garden

Giorno 4: Yamba

NIMBIN > YAMBA

  • 127 kms
  • 1 h 47 min

Il nostro viaggio lungo la East Coast meridionale continua con la cittadina di Yamba, una sorta di piccola Byron Bay molto meno trafficata e inflazionata. Qualora viaggiate con un buon 4×4 potrete divertirvi a guidare su Iluka Beach, altrimenti vi consiglio semplicemente di visitare una delle molte spiagge della città (Yamba Beach, Turners Beach, Pippi Beach) e magari prendere una bella lezione di surf.

Qualora vi trovaste a dover pernottare lungo la strada tra Byron Bay e Yamba posso consigliare la rest area New Italy, dove vi sono molte informazioni sull’immigrazione degli italiani in Australia.

  • DA VISITARE YAMBA: Iluka Beach, Yamba Beach, Turners Beach, Pippi Beach, Yamba Lighthouse
  • PIT STOP: New Italy Rest Area

Giorno 5: Red Rock & Coffs Harbour

YAMBA > RED ROCK

  • 103 kms
  • 1 h 10 min

RED ROCK > COFFS HARBOUR

  • 44 kms
  • 33 min

A Red Rock Beach, come dice il nome, troveremo una spiaggia che ricorda leggermente il Nord del Western Australia, con rocce rosse che si scontrano con l’azzurro dell’oceano. Può essere un’idea per una piccola sosta lunga questa giornata di viaggio.

Proseguendo verso Sud raggiungeremo poi la città di Coffs Harbour, uno dei centri urbani più popolosi della zona coi suoi 78000 abitanti e più. Famosa per le sue coltivazioni di banana (vi è anche un famoso centro attrazioni chiamato The Big Banana Fun Park), meritano una visita il lungo pontile che parte direttamente da Jetty Beach e il lookout chiamato Beacon Hill Lookout, da cui si può avere una bella vista sull’intera città e le sue spiagge.

  • DA VISITARE RED ROCK: Red Rock Beach
  • DA VISITARE COFFS HARBOUR: Coffs Harbour Jetty, Jetty Beach, Beacon Hill Lookout

Giorno 6: Ebor Falls & Nambucca Heads

COFFS HARBOUR > EBOR FALLS

  • 112 kms
  • 1 h 40 min

EBOR FALLS > NAMBUCCA HEADS

  • 114 kms
  • 1 h 40 min

Lasciando la costa per dirigerci verso l’interno e variare un po’ lo scenario, consiglio di spendere qualche ora a visitare le Ebor Falls, maestose cascate annoverate tra le più belle d’Australia e che possono essere ammirate da vari punti, tra cui il Lower Falls Lookout, per avere diverse prospettive di questa meraviglia naturale.

Tornando a guidare verso l’oceano troviamo quindi Nambucca Heads, un’altra piccola cittadina della East Coast australiana che a me piace molto per le sue lingue di sabbia dipendenti dalle maree che possono essere ammirate da uno dei vari lookout, come il Rotari o il Captain Cook Lookout. Interessante è anche il V Wall, una passeggiata tra vari massi e rocce dipinte e ricoperte di graffiti; molto caratteristico.

  • DA VISITARE EBOR FALLS: Ebor Falls, Lower Falls Lookout
  • DA VISITARE NAMBUCCA HEADS: Rotari Lookout, Captain Cook Lookout, V Wall, Wellington Rocks
Ebor Falls Lookout New South Wales
Ebor Falls, New South Wales
View of Nambucca Heads from Rotari Lookout
Nambucca Heads vista dal Rotari Lookout; a me ha sempre ricordato un po’ Whitehaven Beach delle Whitshundays ma magari mi sbaglio

Giorno 7: South West Rocks [EXTRA]

NAMBUCCA HEADS > SOUTH WEST ROCKS

  • 60 kms
  • 45 min

In 45 min arriveremo poi a South West Rocks, altra cittadina costiera famosissima per le immersioni nel suo spot Fish Rock Cave, una serie di caverne sottomarine che ospita Grey Nurse Sharks e, nella giusta stagione, anche flussi migratori di Scallop Hammerhead, una piccola specie di squalo martello. Consiglio quindi di sostare qui solo per gli amanti dello scuba diving, anche perché essendo un cave diving, questa immersione richiede anche una certa esperienza.

  • DA VISITARE SOUTH WEST ROCKS: Trial Bay Front Beach, Stingray Rock, Fish Rock Cave (per le immersioni)

Giorno 8: Port Macquarie

SOUTH WEST ROCKS > PORT MACQUARIE

  • 88 kms
  • 1 h

Altro importante centro urbano del New South Wales è Port Macquarie, cittadina piuttosto grande con una popolazione di circa 48000 abitanti. Famosa per le sue meravigliose spiagge, tra tutte Nobbys Beach e Flynns Beach, contiene anche un lungo coastal walk di 9 kms (one way, circa 3 h per essere completato) che vi condurrà attraverso panorami mozzafiato della sua costa e delle sue scogliere.

Port Macquarie è famosissima anche per il Koala Hospital, un vero e proprio ospedale per koala dove i piccoli animali vengono riabilitati per poi essere reimmessi in natura; se passate da qui trovate il tempo di fermarvi e dare un’occhiata, vale sicuramente la pena anche per imparare qualcosa di più su questo iconico animale australiano.

DA VISITARE PORT MACQUARIE: Nobbys Beach, Flynns Beach, Shelly Beach, Coastal Walk, Koala Hospital

Nobbys Beach Port Macquarie
Nobbys Beach, Port Macquarie
Koala Port Macquarie at Koala Hospital New South Wales
Un koala addormentato al Koala Hospital di Port Macquarie

Giorno 9: Port Stephens/Nelson Bay

PORT MACQUARIE > NELSON BAY

  • 250 kms
  • 2 h 45 min

Ora passiamo a una delle mie parti preferiti di questo itinerario, Port Stephens e Nelson Bay, altre cittadine costiere che consiglio soprattutto per l’hiking che conduce alla sommità di Tomaree Mountain, da cui si gode di una vista spaziale sulle spiagge circostanti come la bellissima Zenith Beach e sull’intera zona di Shoal Bay. L’hiking richiede circa 45 min per essere completato, non risulta essere troppo impegnativo e durante la salita vi sono anche degli interessanti reperti storici risalenti alla seconda guerra mondiale.

  • DA VISITARE NELSON BAY: Tomaree Mountain Summit Walk, Zenith Beach
View from Mount Tomaree Summit Zenith Beach Port Stephens
Zenith Beach e Port Stephens visti dalla sommità del Mount Tomaree

Giorno 10: Newcastle

NELSON BAY > NEWCASTLE

  • 60 kms
  • 55 min

Newcastle è una delle città più grandi del New South Wales con i suoi circa 322000 abitanti. Città prettamente industriale, negli ultimi anni ha sviluppato una vita notturna piuttosto vivace e parecchi ristoranti e bar che meritano la pena di essere visitati. A mio avviso la parte migliore è lo Strzelecki Lookout e il Newcastle Memorial Walk che conduce in circa una mezz’oretta all’Empire Park e a Bar Beach, attraverso un percorso molto bello con vista sull’oceano e sulle scogliere della costa.

  • DA VISITARE NEWCASTLE: Strzelecki Lookout, Newcastle Memorial Walk, Bar Beach
Sunset from Strzelecki Lookout, New South Wales
Un tramonto a Newcastle visto dal Strzelecki Lookout

Giorno 11-12-13-14: Sydney & Blue Mountains NP

NEWCASTLE > CAVES BEACH

  • 30 kms
  • 40 min

CAVES BEACH > SYDNEY

  • 130 kms
  • 1 h 45 min

SYDNEY > BLUE MOUNTAINS NP

  • 102 kms
  • 1 h 30 min

Prima di arrivare a Sydney consiglio di sostare a Caves Beach, una cittadina caratterizzata da una spiaggia piena di formazioni rocciose e piccole caverne da cui fare delle belle foto. Proseguendo è anche possibile dare un’occhiata all’enorme Lake Macquarie, anche se non è facile trovare un buono spot per fare foto o semplicemente rilassarsi in riva al lago. Tuttavia ad un certo punto vi troverete a guidare con l’oceano alla vostra sinistra e il lago alla vostra destra…niente male eh.

Ed eccoci finalmente giungere alla meta più ambita del viaggio, la capitale Sydney, città più grande d’Australia caratterizzata da monumenti iconici come l’Opera House e l’Harbour Bridge e spiagge famosissime come Bondi Beach e Manly Beach. Consiglio di trascorrere almeno quattro giorni in città, soprattutto qualora vogliate visitare anche la bellissima zona di Palm Beach e il parco nazionale delle Blue Mountains, uno dei più famosi d’Australia.

  • DA VISITARE CAVES BEACH: Caves Beach, Sea Caves, Lake Macquarie
  • DA VISITARE SYDNEY: Opera House, Harbour Bridge, Bondi Beach, Coastal Walk (Bondi to Coogee), Manly Beach, Shelly Beach, Palm Cove
  • DA VISITARE BLUE MOUNTAINS NP: Katoomba, Echo Point Lookout (Three Sisters), Evan’s Lookout, George Phillips Lookout, Grand Canyon Track, Wenthworth Falls, Katoomba Falls, Jenolan Caves
Sydney Opera House
L’iconico Sydney Opera House, forse l’immagine più famosa dell’intera Australia
Coastal Walk Bondi to Coogee
La Coastal Walk che conduce da Bondi Beach a Coogee Beach ci mette davanti paesaggi impressionanti fatti di scogliere e spiagge da sogno
Three Sisters Blue Mountains
Three Sisters viste dall’Echo Point Lookout, Blue Mountains National Park

Giorno 15: Royal National Park

SYDNEY > ROYAL NATIONAL PARK

  • 50 kms
  • 50 min

Il Royal National Park è un grosso parco nazionale subito a Sud di Sydney, che comprende attrazioni famose nella zona come la Wedding Cake Rock o la Figure 8 Pool. Sono tanti i percorsi e le attività da svolgere in questo parco, per cui potreste decidere di trascorrere anche più di un giorno alla scoperta delle sue bellezze e delle sue spiagge. Per maggiori informazioni vi rimando al sito web del parco stesso, dove troverete mappe dettagliate e informazioni utili.

  • DA VISITARE ROYAL NATIONAL PARK: Figure 8 Pool, Wedding Cake Rock, Curracurrong Falls, National Falls, Wattamolla Falls, Wattamolla Beach, Garie Beach, Karloo Walking Track, Bungoona Lookout,
Royal National Park New South Wales East Coast Figure 8 pool
La famosissima Figure 8 Pool, una natural pool a forma di otto e uno dei posti più fotografati del New South Wales. E’ importante visitare il luogo in condizioni di mare calmo, altrimenti diviene molto pericoloso per le grosse onde che si infrangono su di essa
Wedding Cake Rock Royal National Park New South Wales
Wedding Cake Rock, una roccia a forma di fetta di torta

Giorno 16: Kiama Downs, Bombo & Kiama

ROYAL NATIONAL PARK > OLD HELENSBURGH STATION

  • 25 kms
  • 25 min

OLD HELENSBURGH STATION > SEACLIFF BRIDGE

  • 13 kms
  • 17 min

SEACLIFF BRIDGE > KIAMA DOWNS/BOMBO/KIAMA

  • 56 kms
  • 45 min

Lasciando il Royal National Park e proseguendo verso Sud per la East Coast australiana propongo due piccoli stop prima di raggiungere la prossima destinazione: il primo è la Old Helensburgh Station, un’inquietante tunnel ferroviario abbandonato dove è possibile ammirare anche i cosiddetti glow-worms (una sorta di piccoli insetti bioluminescenti, che appaiono soprattutto durante le ore notturne), e il Sea Cliff Bridge che, come dice il nome, è un ponte sospeso direttamente sull’oceano e sulle scogliere circostanti; davvero molto caratteristico.

Continuando per la strada arriveremo al trittico di città che rappresentano la prossima tappa del viaggio e che, a mio parere, necessitano di una mezza giornata per essere visitate, essendo queste molto vicine tra di loro; sto parlando di Kiama Downs, Bombo e Kiama.

Kiama Downs è famosa per Cathedral Rocks, una spiaggia costituita da formazioni rocciose caratteristiche e da caverne che ricordano una vera e propria cattedrale da cui è possibile ammirare l’oceano. Stessa cosa dicasi per Bombo, che comprende questo sito geologico dalle fattezze uniche che prende il nome di Bombo Headland Geological Site, costituito da alti pinnacoli di roccia dove s’infrangono le onde dell’oceano. Infine Kiama, la cittadina più a Sud, è famosa per il suo Blow Hole Point, cavità rocciose da cui fuoriescono una sorta di geyser fatti di acqua e vapore, grazie alla pressione dell’acqua che spinge direttamente sulle stesse scogliere.

  • DA VISITARE KIAMA DOWNS: Jones Beach, Cathedral Rocks
  • DA VISITARE BOMBO: Bombo Headland Geological Site
  • DA VISITARE KIAMA: Blow Hole Point, Kiama Rock Pool, Kiama Lighthouse
  • PIT STOP: Old Helensburgh Station, Sea Cliff Bridge
Old Helensburgh Station, New South Wales
Old Helenburgh Station, un posto alla Resident Evil
Cathedral Rocks, Kiama Down
Cathedral Rocks, Kiama Downs
Bombo Headland Geologica Site, Bombo
Bombo Headland Geological Site, Bombo

Giorno 17: Jarvis Bay (Hyamns Beach)

KIAMA > JARVIS BAY (HYAMNS BEACH)

  • 71 kms
  • 1 h

Infine giungiamo all’ultima tappa del nostro itinerario, Jarvis Bay, che andremo a visitare per lo più per la famosa Hyamns Beach; questa spiaggia viene infatti considerata da alcuni siti e riviste, come la spiaggia dalla sabbia più bianca al mondo. Da qui poi potremo decidere se proseguire il nostro viaggio verso Canberra o direttamente continuare lungo la costa fino a raggiungere Melbourne, nello Stato del Victoria.

  • DA VISITARE JARVIS BAY: Hyamns Beach
Hyamns Beach Jarvis Bay New South Wales
La spiaggia più bianca del mondo, Hyamns Beach!

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *