Pesci pagliaccio Great Barrier Reef Cairns Clown Fish

Cairns Region: Great Barrier Reef & Daintree Rainforest

Dove il blu della barriera corallina si scontra con il verde della più antica foresta pluviale

  • Snorkeling & Diving 🤿
  • Rainforest 🌳
  • Waterfalls 🌊
  • Wildlife (Crocodiles) 🐊
  • Wildlife (Cassowary) 🦤
  • Beaches & Islands 🏖️
  • Hiking 🥾
  • Markets 🎪
  • Kayak 🛶
  • Extreme Sports 🪂
Consigliati: 7-10 giorni

Sulla costa est del Far North Queensland, a circa 1700 kms di distanza da Brisbane, si trova la cittadina di Cairns, considerata il maggior centro urbanistico di questa porzione d’Australia nonché l’ingresso principale alla Great Barrier Reef (la barriera corallina più grande del mondo, considerata una delle sette meraviglie naturali del mondo) e alla Daintree Forest (la foresta pluviale più antica del mondo). Oltre a queste due attrazioni naturali, l’area è famosa per il suo hinterland ricco di cascate e parchi naturali (Atherton Tablelands, Mossman Gorge…), cittadine caratteristiche (Kuranda), spiagge tropicali (Palm Cove e Port Douglas) e isole disseminate nel bel mezzo della barriera corallina (Fitzroy e Green Island).

Le attività più popolari della zona sono lo snorkeling e le immersioni, le quali richiamano ogni anno migliaia di australiani e di backpackers che si tuffano nelle acque della Great Barrier Reef circondati da coralli e pesci tropicali d’ogni tipo. Al secondo posto troviamo i road trips alla scoperta della Daintree Forest, con gite su fiumi alla ricerca di coccodrilli e hikings immersi nel verde della foresta pluviale, fino a quando la vegetazione si scontra con il blu dell’oceano sulla spiaggia di Cape Tribulation.

Come visto questa sezione di Queensland ha moltissimo da offrire e visitare, per cui vediamo assieme tutte le tappe obbligatorie da intraprendere in quella che è considerata una delle aree più popolari dell’intero continente australiano.

Cosa vedere e fare a Cairns

Cairns è una cittadina di circa 150 mila abitanti, popolare meta per backpackers e non, che vive principalmente del turismo legato alla Grande Barriera Corallina e alla Daintree Forest. E’ risultata essere la quarta città più visitata d’Australia, dietro solamente Sydney, Melbourne e Brisbane.

Caratterizzata da un tipico clima tropicale, Cairns vive di una stagione secca (dry season, da maggio a settembre) con temperature più miti e poche piogge, e di una stagione delle piogge (wet season, da ottobre ad aprile) con temperature più elevate ed umide e forti acquazzoni quotidiani di breve durata. E’ consigliato visitare la regione durante la dry season, in quanto le grandi piogge dei mesi più piovosi possono portare ad inondazioni e rendere inaccessibili alcune aree della zona, soprattutto la Daintree Forest e Atherton Tablelands. Da ricordare che non è consigliato nuotare in questa parte d’Australia per la presenza, soprattutto durante i mesi della wet season, di saltwater crocodiles (coccodrilli d’acqua salata) e meduse, tra cui le pericolosissime Box Jellyfish e Irukandji Jellyfish, che possono risultare letali per l’uomo.

La città presenta una vita notturna molto vivace soprattutto durante la stagione secca, dove le strade si riempiono di turisti e lavoratori stagionali; non mancano ristoranti o club notturni e gli stessi ostelli diventano talvolta discoteche dove passare la serata fino a tarda notte. Frequenti sono anche i bush doof (rave) organizzati generalmente nelle zone dell’hinterland, spesso nei pressi delle vicine cittadine di Kuranda e Mareeba (famoso e spettacolare è in particolare il festival Orin Aya, che si tiene ogni settembre all’interno della Daintree Forest).

Esplanade

Il lungomare di Cairns, nonché la parte più popolare della città. Presenta ristoranti, bar, negozi d’abbigliamento e hotel, campi da beach volley, sezioni dedicate a famiglie e bambini, attrezzatura per fitness e una lagoon d’acqua salata dove è possibile nuotare in tutta sicurezza e al riparo da animali pericolosi.

Cairns Esplanade
L’Esplanade è la parte di Cairns dove probabilmente trascorrerete la maggior parte del tempo.

Bars, Pubs & Nightlife

Come già accennato, Cairns è una delle mete preferite dai backpackers di ogni nazionalità, non solo per le meraviglie naturali che la circondano ma anche per il clima tropicale e soprattutto per l’offerta di party e nightclub che sa offrire. Da pub irlandesi ad ostelli che si tramutano in discoteche notturne, da cocktail bars a pool party, l’offerta di divertimento che la cittadina del Nord Queensland presenta è piuttosto ampia ed atta a soddisfare tutti i gusti. Tra i bar e i pub più popolari della zona troviamo Salt House, Three Wolves, Flamingo’s Tiki Bar, Oak & Wine e The Pier Bar. Se invece state cercando nightclubs dove trascorrere la nottata Gilligan’s (il quale dispone anche di un buon ristorante ed accomodations economiche ed è famoso per i folli pool party che si tengono di domenica), Bounce (il party hostel per eccellenza, con un ampio bar al piano superiore), The Woolshed, The Attic, The Cotton Club e Rattle ‘n Hum.

Dove Mangiare a Cairns

La scelta culinaria ricade sicuramente sul pesce, soprattutto nella zona della marina. Disseminati per la città troverete comunque svariati ristoranti internazionali, soprattutto giapponesi, asian-fusion, italiani, francesi e messicani.

Dove dormire a Cairns: ostelli

Ospitando così tanti backpackers e lavoratori stagionali la scelta di ostelli è piuttosto ampia e permette di decidere tra una sistemazione più tranquilla od una più adatta ai cosiddetti “party animals” che non disdegnano l’idea di essere sempre al centro di feste e situazioni più o meno alcoliche.

  • Gilligan’s o Bounce: se siete alla ricerca di un party hostel
  • Somewhere to Stay, Mad Monkeys Hostels (Waterfront, Central, Village): se siete alla ricerca di accomodations più chill ma comunque centrali

Great Barrier Reef

Considerata una delle meraviglie del mondo naturale, è la più grande barriera corallina del pianeta, comprendendo circa 2900 barriere coralline individuali, 900 isole e un’estensione di più di 2300 kms che va dalla punta più settentrionale del Queensland (Cape York) fino a Bundaberg, a “soli” 360 kms nord di Brisbane. Rappresenta una delle mete più visitate dell’intera Australia e le attività più celebri sono ovviamente lo snorkeling e lo scuba diving, con numerose compagnie che ogni giorno lasciano i porti di Cairns o Port Douglas per dirigersi verso i vari reefs.

Great Barrier Reef Cairns
La Great Barrier Reef si estende per quasi tutta la costa est del Queensland, con 2300 kms di barriera corallina da esplorare, rendendola l’ecosistema marino più esteso del pianeta.

Sfortunatamente a partire dal 2016 i cambiamenti ambientali e l’aumento delle temperature hanno portato alla morte di una gran parte della GBR soprattutto nella parte più a nord, tramite un fenomeno detto bleaching (sbiancamento) dei coralli, per cui ampie sezioni risultano gravemente danneggiate o addirittura del tutto morte, nonostante siano in atto programmi di riabilitazione ambientale e l’intera zona sia stata definita patrimonio dell’UNESCO e area protetta.

Snorkeling

Che sia tuffandosi da un’imbarcazione o nuotando semplicemnte da una spiaggia, lo snorkeling è una delle attività più celebri della GBR e in internet si possono facilmente trovare day tour adatti a tutte le esigenze. Vi elenco alcuni degli spot più popolari per quest’attività nei pressi di Cairns.

  • Green Island
  • Ribbon Reef
  • Milln Reef
  • Michaelmas Cay

Altre ottime aree della Great Barrier Reef da esplorare con maschera e tubo sono:

Scuba Diving

Al pari dello snorkeling, le immersioni sono una delle attività più popolari della Great Barrier Reef e numerosi sono gli spot dove migliaia di divers ogni anno si immergono tra clownfish, reef sharks, razze, polpi e pesci tropicali d’ogni genere. Molti subacquei iniziano il loro percorso proprio qui, prendendo parte ad introduzioni o corsi d’open water, in quanto le condizioni atmosferiche generalmente miti e favorevoli sono adatte anche ai principianti.

Vediamo assieme gli spot per immersioni più famosi nei dintorni di Cairns:

  • Ribbon Reef (& Cod Hole)
  • Milln Reef
  • Flynn Reef
  • Norman Reef
  • Agincourt Reef

Altri celebre siti per immersioni localizzati in altre parti della GBR sono:

  • SS Yongala (Townsville)
  • John Brewer Reef & The Museum of the Underwater Art (Townsville)
  • Whitsunday Islands (Airlie Beach)
  • Lizard Island
  • Osprey Reef
  • Lady Elliot Island (Bundaberg)
  • Capricorn & Bunker Reefs (Rockhampton)

Daintree Rainforest & Cape Tribulation

A circa 130 kms a nord di Cairns si trova la foresta pluviale più antica del mondo e quella che una volta ricopriva l’intero continente australiano, la Daintree Rainforest, che con i suoi 1200 kms quadrati rappresenta la più grande foresta pluviale tropicale del paese.

Famosa per la sua biodiversità, contiene il 30% delle specie di rane, rettili e marsupiali d’Australia, il 90% delle specie di pipistrello e farfalle, e il 7% degli uccelli, rendendolo uno spot importante per il birdwatching. Alcuni iconici animali del continente, come il casuario (cassowary), il canguro arboricolo e il coccodrillo d’acqua salata (saltwater crocodile) si possono incontrare in questa foresta.

Oltre a fauna e flora, la rara combinazione di foresta pluviale, bianche spiagge tropicali e barriere coralline a pochi chilometri di distanza, la rendono una delle mete più visitate del Queensland e dell’intera Australia.

In aggiunta ai vari resort e lodge presenti all’interno della foresta, è possibile trascorrere la notte in uno dei vari camping spot disseminati lungo la strada principale, dopo il pagamento di una piccola tassa di pernottamento. Vi consigliamo di organizzarvi in anticipo visto la popolarità della zona, soprattutto durante i mesi della dry season (maggio-settembre).

✸ATTENZIONE: La Daintree Rainforest può essere visitata in macchina, senza l’ausilio di un 4WD almeno fino alla spiaggia di Cape Tribulation. Per attraversare il Daintree River tuttavia, è necessario imbarcare la vostra vettura su di un traghetto che vi condurrà, in circa 15 min, dall’altra parte del fiume (costo 26$ one way, 45$ return che potete prenotare direttamente da questo sito.)

Daintree Village & Daintree River

Il Daintree Village è un piccolo villaggio a ridosso del fiume Daintree, dove è possibile passare la notte prima di imbarcarsi sul traghetto che ci condurrà alla vera e propria foresta pluviale e a Cape Tribulation. Si tratta fondamentalmente di un’unica via con un piccolo market (occhio ai prezzi elevati!), un caravan park dotato di un interessante negozietto di cianfrusaglie e oggetti d’epoca a cui consiglio di dare un’occhiata, un’agenzia turistica dove è possibile prenotare tours in barca sul fiume e andare a caccia di coccodrilli, e un piccolo hotel che presenta anche un pub-ristorante al piano inferiore dove passare la serata tra birre e pasti caldi.

Daintree River Daintree Rainforest Ferry
E’ possibile organizzare tour in barca sul Daintree River per osservare uccelli e saltwater crocodiles direttamente nel loro ambiente naturale. Da ricordare che per attraversare il fiume è disponibile un traghetto che conduce, in poco più di dieci minuti, sull’altra sponda della foresta pluviale.

Cape Tribulation

Cape Tribulation è un minuscolo agglomerato urbano che si trova a circa 35 kms a nord del Daintree Ferry, e la sua spiaggia è forse la più famosa dell’intera Daintree Rainforest; qui la foresta pluviale si interrompe giusto prima dell’acqua turchese della Grande Barriera Corallina per lasciar spazio ad un lembo di spiaggia dorata, su cui è possibile concedersi una tranquilla camminata. Da ricordare che non è possibile fare il bagno in queste acque per la presenza di coccodrilli e meduse, soprattutto nei mesi della wet season.

Tramite un breve hiking di 500 m (Kulki Boardwalk) è possibile raggiungere un lookout con vista panoramica sulla spiaggia principale, mentre se si vuole camminare immersi nel verde della foresta è possibile scegliere tra tre brevi percorsi di scarsa difficoltà ed adatti a tutte le età.

Dubuji Boardwalk

  • 1.2 kms
  • 45 min (return)
  • Grado 1: molto facile

Madja Botanical Walk

  • 1.2 kms
  • 45 min (return)
  • Grado 1: molto facile

Jindalba Boardwalk

  • 650 m
  • 45 min (return)
  • Grado 2: medio-facile
Cape Tribulation Daintree Forest Cairns
Piante tropicali e barriera corallina: una combinazione non da poco!

Continuando oltre Cape Tribulation si può arrivare alla cittadina di Cooktown (per poi proseguire verso la parte più settentrionale del continente australiano, la Cape York Peninsula); vi si giunge tramite Bloomfield Track, strada costiera scenografica di 30 kms consigliata ai 4×4 ma che, in condizioni buone, può essere intrapresa anche con un 2WD (sebbene alcune sezioni siano piuttosto ripide), ma comunque sempre durante i mesi della dry season.

Mount Alexandra Lookout

Situato poco dopo aver attraversato il Daintree River, consiglio una sosta in questo lookout che permette una buona vista della foresta pluviale e della costa circostante.

Mount Sorrow

  • 8.5 kms
  • 5 h (return)
  • Grado 5: difficile

Come dice il nome (sorrow = dolore, pena), questa sarà una scalata tutt’altro che semplice e richiederà un ottimo grado di forma fisica, scorte d’acqua e calzature adeguate. L’hike ci condurrà nel cuore della foresta pluviale, circondati da una rigogliosa vegetazione e da una moltitudine di uccelli e insetti tipici di questa zona fino a giungere alla cima. Da notare che dopo essere giunti alla viewing platform è possibile continuare la scalata sulle rocce per altri 300 metri e raggiungere il punto panoramico vero e proprio, dove si verrà ricompensati con una bellissima vista sulla Daintree Rainforest e sulla spiaggia di Cape Tribulation.

Daintree Ice Cream Company

Una gelateria immersa nel bel mezzo di una foresta pluviale con gusti tratti da frutta tropicale, fresca ed organica, direttamente coltivata in loco? Questo è quello che la Daintree Ice Cream Company ha da offrire e vi consiglio fortemente una sosta per gustare una delle loro meraviglie, tra cui la signature cup che permette di assaggiare 4 gusti di frutta di stagione contemporaneamente, oltre che a godervi una passeggiata nei bellissimi giardini esotici che la circondano.

Fitzroy & Green Island

Sono probabilmente le isole più popolari per organizzare day tour direttamente dal porto di Cairns. Offrono spiagge bianchissime, piccoli hiking e ottimi spot per lo snorkeling, il che rende delle mete obbligate qualora abbiate più di qualche giorno da trascorrere nella cittadina del Nord Queensland.

Fitzroy Island

Fitzroy Island è situata a soli 45 min di traghetto da Cairns, e con i suoi 11.6 kms quadrati rappresenta la più grande delle due isole. E’ costituita da un Parco Nazionale e circondata dalla Grande Barriera Corallina, il che la rende un ottimo spot per lo snorkeling, che è possibile praticare direttamente dalle spiagge di Welcome Bay e Nudey Beach, a pochi minuti di distanza dall’arrivo principale sull’isola. Tra soft e hard corals, non sarà difficile fare incontri ravvicinati con clown fish (Nemo), cernie di grandi dimensioni e tartarughe marine. Proprio riguardo quest’ultime, è possibile visitare il Sea Turtle Rehabilitation Centre mentre ci si trova sull’isola.

Se invece siete interessati a farvi una bella camminata, Fitzroy Island offre percorsi adatti a tutti i gusti: Nudey Beach & Secret Garden Track sono due facili hikes di appena un chilometro (30 min) che conducono a meravigliose spiagge e a piccole foreste pluviali, mentre se siete alla ricerca di qualcosa di più impegnativo consiglio Summit Track (3.6 kms, 3 h return, grado 4: medio-difficile) che porta ad un lookout sull’intera isola e sulla barriera corallina circostante.

Altre attività popolari includono lo scuba diving, il kayaking, la pesca e gli sport acquatici; è possibile organizzarsi direttamente al Fitzroy Island Sports Hub. Per quanto riguarda invece pernottamento e dining, sull’isola sono presenti un resort dotato di piscina, un ristorante e un bar.

Green Island

Più piccola di Fitzroy, Green Island è situata sempre a 45 min da Cairns, con traghetti che dipartono giornalmente dal suo porto. Lo snorkeling è anche qui l’attività principale, di cui uno dei migliori spot per immergersi con maschera e tubo è sicuramente il jetty (pontile) dell’isola. Qui potremo facilmente imbatterci in tartarughe marine, pesci tropicali tra cui parrot e surgeon fish e coralli colorati. L’attrezzatura necessaria può essere affittata direttamente in loco.

L’isola in sé per sé è davvero piccola (12 ettari), ed è possibile compierne il loop completo in appena 25 min (2 kms), ammirandone la vegetazione tropicale e le stupende spiagge circondate dalla barriera corallina, le cui acque possiedono un colore inverosimile a metà tra il verde e il turchese.

Sull’isola sono presenti un piccolo resort e un ristorante.

Green Island Cairns
Come si può vedere da questa foto catturata da un drone, l’isola è facilmente percorribile a piedi in meno di mezz’ora.

Atherton Tablelands

Con questo nome si indica un fertile altopiano vicino la cittadina di Atherton, che si trova a circa un’ora e mezza inland rispetto a Cairns. La zona è famosa per i lookout sulle vallate circostanti e per le decine di cascate presenti che la rendono una meta molto visitata per chi si trova in questa parte del Queensland; vi ho dedicato un articolo apposito che potete trovare qui.

Kuranda

Kuranda è un piccolo villaggio montano dell’Atherton Tablelands che si trova a circa 25 kms a nord di Cairns, completamente immerso nella foresta pluviale e famoso per i suoi mercatini, le vicine cascate, la funivia e il trenino panoramico che l’attraversa; al suo interno sono presenti anche un butterfly sanctuary (Santuario delle Farfalle) e un koala garden (Giardino dei Koala).

Per le sue numerose attrazioni, l’atmosfera hippie che si respira e l’ambiente tropicale in cui è immersa, Kuranda rappresenta sicuramente una tappa obbligata per trascorrere una giornata se ci si trova nei dintorni di Cairns.

Markets

Kuranda è sede di due differenti mercatini aperti dal mercoledì alla domenica, l’Original Rainforest Market e l’Heritage Markets, entrambi famosi in tutt’Australia e non solo per i loro articoli d’artigianato locale, i gioielli e i vari accessori in legno e in pelle, nonché per la moltitudine di oggettistica aborigena proveniente dalle comunità circostanti. Meritano una visita anche i vari food shop disseminati lungo le viottole del villaggio, dove sarà possibile assaggiare pietanze provenienti dal continente australiano e non solo, compresa anche un’ampia gamma di prodotti organici e vegani.

Scenic Railway

Una delle attrazioni principali della zona è il treno scenografico che collega il villaggio di Kuranda con la città di Cairns (con una fermata intermedia nella stazione di Freshwater). Della durata di circa due ore, il trenino si snoda all’interno della foresta pluviale con magnifiche viste su gole e cascate tra cui le Barron e le Stoney Creek Falls, raggiungendo un’altezza massima di 327 m e concedendoci una diversa prospettiva per godere del paradiso tropicale circostante.

Kuranda Scenic Railway Cairns
Il Kuranda Scenic Railway con le Barron Falls in secondo piano.

Skyrail Rainforest Cableway

Alternativa più breve rispetto allo Scenic Railway, la funivia che parte da Kuranda per poi disegnare un loop ad ovale e terminale nello stesso villaggio permette di godere di una vista sopraelevata della foresta pluviale e delle Barron Falls. Consigliata (in caso non soffriate di vertigini) la cabina con il pavimento di vetro, che ci darà una sensazione di essere sospesi direttamente nel vuoto, a centinaia di metri d’altezza su una distesa di alberi tropicali.

Barron Falls & Barron Gorge

Le Cascate Barron sono delle maestose cascate che si formano quando il Barron River cade a precipizio dall’altopiano di Atherton nella vallata sottostante, distanti ad appena 5 min d’auto dal villaggio di Kuranda. Alte circa 125 m, è possibile ammirarle dall’alto tramite Railway o Cableway, o direttamente attraverso il breve hike di circa mezz’ora che conduce al lookout che permette una vista panoramica su cascate e gola circostante. Seppur non permesso, è possibile continuare il percorso fino all’apice delle waterfalls e concedersi spettacolari ed adrenalinici tuffi nelle natural pools che si trovano sotto di noi.

Cairns Kuranda Barron Falls
Dopo aver passato la mattinata tra i mercatini di Kuranda non c’è niente di meglio di trascorrere il pomeriggio tra il verde tropicale e le impetuose cascate del Barron Gorge.

Palm Cove & Port Douglas

Palm Cove e Port Douglas sono due cittadine costiere distanti rispettivamente 25 e 66 kms da Cairns, e rappresentano due ottime tappe in cui concedersi una sosta se si sta viaggiando verso la Daintree Rainforest o Cape York.

Immerse in un ambiente tropicale fatto di palme e spiagge dorate, rappresentano inoltre una meta gettonata dai backpacker in cerca di lavori stagionali, soprattutto Port Douglas.

Port Douglas Cairns
Le spiagge tropicali di Port Douglas sono perfette per scappare dal freddo inverno del sud dell’Australia. Ricordatevi però di non fare il bagno in queste acque se non volete avere brutte esperienze con meduse e coccodrilli!

Mossman Gorge

Una delle attrazioni principali nei pressi di Port Douglase è Mossman Gorge, una vallata immersa nella foresta pluviale formata dal Mossman River e compresa nel Daintree Rainforest National Park.

✸ATTENZIONE: Una volta giunti al Mossman Gorge Centre ci verrà chiesto, per ragioni di sicurezza, di comprare un biglietto del bus per raggiungere la nostra destinazione; ci verrà sconsigliato di percorrere la strada a piedi in quanto pericolosa e trafficata da auto. Questo risulta essere parzialmente vero, in quanto l’unico mezzo ad attraversare la strada è il bus in questione, perciò se volete risparmiare soldi preziosi e non vi infastidisce camminare per circa 30 min vi consiglio di sgranchirvi le gambe ed ignorare il “prezioso” avvertimento del centro.

Dal parcheggio auto sarà possibile scegliere tra due hike di diversa lunghezza e durata; il River Circuit Track inizia direttamente da qui, mentre il Rainforest Circuit Track inizia dopo aver attraversato il Red Creek su di un ponte sospeso (Red Creek Suspension Bridge), situato a circa 500 m dal car park (mentre attraversate il ponte tenete gli occhi aperti per scorgere pesci, tartarughe o addirittura ornitorinchi che potrebbero star sguazzando sotto di voi!).

River Circuit Track

  • 400 m
  • 10 min (return)
  • Grado 1: molto facile

Rainforest Circuit Track

  • 2.4 kms
  • 45 min (return)
  • Grado 1: molto facile
Mossman Gorge Mossman River
Un’altra sosta da non mancare se state viaggiando da Cairns verso nord.

Mossman Gorge rappresenta un’ottima tappa per passare un pomeriggio e concedersi una camminata all’interno della rainforest, dedicarsi al birdwatching o scattare foto della rigogliosa vegetazione circostante e dei grossi massi che giacciono placidi all’interno del corso del Mossman River.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *